Seychelles

Un arcipelago di 115 isole con spiagge di sabbia bianca, acque calde e cristalline, piante e animali unici.

Panoramica delle Seychelles

Un arcipelago di 115 isole, con spiagge dal color borotalco, orlate di palme da cocco e bagnate da acque cristalline. Fondali colorati da coralli e pesci di barriera. Una destinazione ideale per viaggi di nozze o per un’estensione ad un viaggio-safari in Africa.

le seychelles sulla mappa geografica
x
  • splendide spiagge bianche
  • acqua cristallina
  • clima piacevole tutto l'anno
  • ottimi collegamenti internazionali e fra le isole
  • non è una destinazione delle più economiche
  • la stagione monsonica può influenzare la stagionalità
  • maree dal forte impatto quasi ovunque

Wildlife

La fauna è essenzialmente marina: pesci di barriera, tartarughe di mare, uccelli pelagici.

Clima

Clima tipicamente tropicale, caldo tutto l’anno, con una stagione afosa e piovosa da novembre a marzo, dovuta al monsone di nord-ovest, e una stagione secca e leggermente più fresca da giugno a settembre, quando prevalgono gli alisei di sud-est. Le piogge tropicali avvengono soprattutto sotto forma di rovescio o temporale, e alle Seychelles si presentano in genere nel pomeriggio nella stagione afosa e piovosa, e di notte nella stagione più secca (quando sono abbastanza frequenti ma di breve durata).

La temperatura media giornaliera oscilla tra i 26 gradi di luglio e agosto, ai 27 °C di gennaio, ai 28 °C di marzo, aprile e maggio, che sono dunque i mesi più caldi. Vi sono comunque poche variazioni di temperatura tra la notte e il giorno e tra le diverse stagioni: raramente la temperatura supera i 33 gradi di giorno o scende sotto i 22 °C di notte.

Gen
Feb
Mar
Apr
Mag
Giu
Lug
Ago
Set
Ott
Nov
Dic
Ottimo
Buono
Discreto
Così così
Sconsigliato
Non possibile

Stagionalità

Dicembre-Marzo

Soffiano gli alisei di nord-ovest, che garantiscono brevi acquazzoni con cadenza quasi quotidiana. Dicembre e gennaio sono i mesi più piovosi dell’anno. E’ il periodo ideale per fuggire dall’inverno e scaldarsi al sole dei tropici. Temperature dell’aria e dell’acqua di 27°- 28°.

 

Aprile e Novembre

Sono considerati mesi di transizione, caratterizzati da elevate temperature (oltre i 30°), alta umidità e assenza di vento. Quest’ultimo fattore migliora la visibilità dell’acqua, per la felicità degli appassionati di snorkeling ed immersioni. Non di rado anche i mesi di marzo, maggio e ottobre possono presentare caratteristiche simili.

 

Maggio-Ottobre

Soffiano gli alisei di sud-est. Precipitazioni scarse, ideali perle lucertole da spiaggia e gli amanti del windsurf e della barca a vela. Sono però mesi anche un pò ventosi; se da una parte questo è piacevole, dall’altro la visibilità sott’acqua è meno ottimale. Giugno, luglio, agosto e settembre sono i mesi più asciutti dell’anno.

RATING REVIEW

Collegamenti intl.

Collegamenti interni

Diving

Qualità/Prezzo

Spiagge

Storia e culture locali

Accommodation

Wildlife

Tra i punti di forza delle Seychelles vi sono gli ottimi collegamenti, che la rendono una destinazione ideale sia per un soggiorni mare a sé stante, sia come estensione ad un viaggio in Africa orientale o australe. Ottime anche le spiagge, anche se va tenuta in considerazione l’impatto delle maree e dei monsoni. Non male, anche se niente di straordinario, le immersioni subacquee. Molto ampia l’offerta ricettiva, un pò per tutte le tasche, anche se le Seychelles restano una destinazione non propriamente economica.

Il meglio delle Seychelles

Località da vedere ed esperienze da fare alle Seychelles.

Aldabra Atoll

Quello di Aldabra è il secondo atollo corallino più grande al mondo, a circa 1120 km di km a sud-ovest dell’isola di Mahé. Il monsone di nord-ovest soffia da novembre a marzo, portando piogge consistenti; Aldabra riceve quasi 1000 mm di pioggia su base annua. Vi sono 307 specie di animali e piante ad Aldabra.  Il famoso documentarista Sir David Attenborough definì Aldabra come una delle meraviglie del mondo. La fauna di Aldabra include la più numerosa popolazione mondiale di tartarughe giganti (Aldabrachelys gigantea), con un carapace della lunghezza media di 105 cm e dal peso di 350 kg. L’isola ospita anche altre specie di tartarughe, come la tartaruga embricata e la tartaruga verde. In acqua, si trovano branchi abbondanti di squali, mante e barracuda. Estinti invece i coccodrilli, che un tempo lontano imperversavano su queste spiagge. Mentre invece sembra non lo sia il dugongo, i cui avvistamenti si sono moltiplicati negli ultimi tempi.

Anse Intendance – Mahé

Una delle spiagge più belle delle Seychelles, lungo la costa sud-occidentale di Mahé. La spiaggia misura circa 700 metri in lunghezza ed è di proprietà del super esclusivo Banyan Tree Seychelles Hotel. Se però l’hotel è decisamente per pochi, l’accesso alla spiaggia è aperto a tutti. Non inganni però la bellezza del luogo, questa non è proprio la spiaggia ideale per le famiglie, le correnti possono essere pericolose. Per questo è più indicata per fare surf che non il bagno.

Anse Lazio – Praslin

Una delle 10 spiagge più belle del mondo, sulla punta settentrionale dell’isola di Praslin. Si può raggiungere anche con mezzi pubblici. Non è protetta dalla barriera corallina, pertanto usare le opportune cautele quando si fa il bagno.

Beau Vallon – Mahé

Forse la più famosa e frequentata spiaggia delle Seychelles, non distante dalla capitale Victoria, sull’isola di Mahé. La spiaggia è molto popolare anche per la pletora di attività che si possono fare e i locali a disposizione dei turisti.

Baie Lazare – Mahé

Bella spiaggia sulla costa sud-occidentale di Mahé, che però può presentare l’inconveniente di essere parzialmente invasa dalle alghe da giugno a settembre. Il Valmer Resort e il Kempinski Seychelles Resort si trovano in questa baia. L’acqua cristalline e poco profonda è l’ideale per fare il bagno. Qui in passato si sono trovati tesori nascosti dai pirati, oggi conservati nel museo nazionale.

Bird Island

L’isola più settentrionale dell’arcipelago delle Seychelles, a 100 km da Mahé, da cui è collegata anche da piccoli aeromobili. Come suggerisce il nome, l’isola è una riserva naturale che ospita una ricchissima avifauna, che attira appassionati di fotografia naturalistica. Scoperta dal leggendario James Cook nel 1775, e da lui chiamata con il suo attuale nome, un tempo era conosciuta come l’isola delle vacche, per l’abbondanza di dugonghi (soprannominati come le vacche del mare). Il suo suolo veniva sfruttato per coltivare cocco, papaya e cotone. Dell’attuale avifauna, impressionante la colonia di circa 700.000 esemplari di sterna fuligginosa che nidifica nell’isola da marzo ad ottobre. Inoltre, per la sua posizione geografica, l’isola è meta di molte specie migratrici euroasiatiche. Infine, qui risiede la più grande tartaruga vivente, Esmeralda (ma è un maschio), 170 anni ed oltre 300 kg

Cousin Island

Cousin Island è uno dei casi di maggior successo mondiale nel campo della conservazione ambientale. Sita 2 km a nord della costa di Praslin, fu acquistata nel 1968 dall’International Council for Bird Preservation (ora BirdLife International), per proteggere una specie di volatile sull’orlo dell’estinzione, la cannaiola delle Seychelles. Dai 26 esemplari che rimanevano, oggi l’isola ne ospita oltre 300 adulti, che diventano oltre 3000 se si considerano altre isole attigue dell’arcipelago. Scopri di più.

Curieuse Island

Curieuse Island è parco nazionale marino, con 3 simboli delle Seychelles: la palma coco de mèr, la gigantesca tartaruga di Aldabra e il pappagallo nero delle Seychelles. Scopri di più.

Grande Anse – La Digue

Una delle spiagge più belle e sottovalutate di La Digue. Molto selvaggia e poco frequentata, ideale per lucertole da spiaggia. Ottima anche per fare il bagno, facendo attenzione alle correnti. Non ideale invece per le famiglie, non essendoci molta ombra per proteggere i bambini da una lunga esposizione al sole dell’equatore.

Morne Seychellois National Park

Splendido parco nazionale che ricopre il 20% della superficie terrestre dell’isola di Mahé. Vi si trova una notevole varietà di habitat, dalla foresta di mangrovie alla più alta vetta dell’arcipelago (905 metri). Il cuore del parco è accessibile esclusivamente a piedi.

Sainte Anne Marine Park

Ste. Anne Marine National Park è un luogo ideale per lo snorkeling, grazie alle sue acque calde e cristalline. Il parco, a 5 km da Mahé, comprende 6 atolli: Ste Anne, Ile Moyenne, Ile Ronde, Ile Longue, Ile Cachee e Ile aux Cerfs. E’ stato il primo parco marino stabilito nell’oceano indiano (1973). I fortunati potranno nuotare tra grandi tartarughe marini e delfini.

Vallée de Mai

La Vallée de Mai Nature Reserve, sull’isola di Praslin, fa parte del patrimonio mondiale dell’UNESCO. Il suo simbolo distintivo è senza dubbio il coco de mer.

Le Seychelles e gli altri

Un confronto con le altre principali destinazioni della regione.

SOGGIORNI MARE

Madagascar

Mafia

Maldive

Mauritius

Mozambico

Seychelles

Zanzibar

Come destinazione balneare tout-court, le Seychelles hanno pochi rivali. Ricordano forse più le Maldive che non Mauritius, ma le isole sono di dimensioni molto più grandi e varie. L’interno non è forse così bello come quello di Mauritius ma la Vallée de Mai è qualcosa di unico al mondo. Le maree hanno un impatto rilevante ma meno che non negli arcipelaghi del Mozambico o a Zanzibar, ma più che a Mauritius o alle Maldive.

DIVING

Madagascar

Mafia

Maldive

Mauritius

Mozambico

Seychelles

Zanzibar

Per gli appassionati di subacquea, sarebbe un peccato andare alle Seychelles e non immergersi. Al contempo, se uno vuole farsi una vacanza incentrata prevalentemente sul diving, forse non va alle Seychelles.

CLIMA

Madagascar

Maldive

Mafia

Mauritius

Mozambico

Seychelles

Zanzibar

Alle Seychelles i monsoni sono più gentili che non alle Maldive, ed il rischio di cicloni è frazionale rispetto al Mozambico o a Mauritius. Anche la stagione delle piogge è meno marcata rispetto, ad esempio, a Zanzibar.

ACCOMMODATION

Madagascar

Maldive

Mafia

Mauritius

Mozambico

Seychelles

Zanzibar

Ampia offerta, un pò per tutti i gusti e tutte le tasche. La qualità media è piuttosto buona, così come il rapporto qualità/prezzo. In particolare per i viaggi di nozze è, dopo le Maldive, la migliore destinazione dell’Oceano indiano tra Africa e Asia.

Le isole principali dell’arcipelago delle Seychelles

La stragrande maggioranza delle isole dell’arcipelago sono sostanzialmente degli atolli, anche se talvolta di dimensioni ragguardevoli. Le 3 isole principali sono quelle di Mahé, Praslin e La Digue. Tutte ben collegate tra loro, e facilmente combinabili in un soggiorno più itinerante e meno stanziale.

Mahé

tramonto su una spiaggia dell'isola di Mahé, Seychelles

L’isola principale dell’arcipelago, dove si trova la capitale Victoria. Spesso sottovalutata, offre invece splendide spiagge, oltre ad una vivacità culturale superiore a qualsiasi altra isola delle Seychelles.

Praslin

spiaggia di côté d'or a Praslin

La seconda isola per dimensioni dell’arcipelago, collegata con frequentissimi voli da Mahé e mediante aliscafo per La Digue. Qui si trovano spiagge tra le più belle al mondo, come Anse Lazio.

La Digue

roccioni su una spiaggia di La Digue

La terza isola dell’arcipelago, collegata mediante aliscafo a Praslin. Rispetto alle due isole più grandi, non esistono praticamente strade. Questo conferisce a La Digue un’atmosfera ancora più intima e romantica.

La fauna delle Seychelles

La fauna delle Seychelles è di tipo tipicamente marino. La sua icona è la tartaruga gigante di Aldabra, una delle più grandi al mondo.

Abbondante
Abbondante
Presente

Clima e stagionalità delle Seychelles

Il periodo meno afoso, più secco e più soleggiato alle Seychelles va da giugno ad agosto; tuttavia, in questo periodo il vento può essere moderato e rendere il mare mosso. In questo periodo saranno dunque preferibili le spiagge esposte a nord-ovest (ad esempio la spiaggia di Beau Vallon a Mahé).

Il periodo da marzo a maggio è il più caldo dell’anno e presenta il rischio di qualche forte temporale, ma soprattutto del passaggio dei cicloni, che però interessano solo marginalmente le principali isole del nord.

Ad ottobre comincia la stagione delle piogge. Dicembre e gennaio sono i mesi più afosi e piovosi e meno soleggiati, per quanto possa essere relativamente poco soleggiato un arcipelago all’equatore, quando da noi si gela.

Dicembre e gennaio sono i mesi più afosi e piovosi e meno soleggiati, per quanto possa essere relativamente poco soleggiato un arcipelago all’equatore, quando da noi si gela.

Le isole si possono dividere in due gruppi: a nord  le Isole Interne (area 1 nella mappa), comprendenti le isole di granito, tra cui si trovano le più grandi e popolate (Mahé, Praslin e La Digue); a sud le Isole Esterne (area 2 nella mappa), che si allungano verso sud-ovest e sono piatti atolli corallini.

Le isole settentrionali hanno un clima più piovoso di quelle meridionali. Mahé, l’isola principale, è la più piovosa. Le Isole Esterne più meridionali sono invece meno piovose. L’andamento delle piogge alle Seychelles è abbastanza irregolare da un anno all’altro, in particolare può essere influenzato dal ciclo detto ENSO: negli anni del Niño, può capitare che piova molto durante la stagione secca e che la stagione piovosa sia invece più secca del normale, mentre negli anni della Niña accade il contrario.

mappa isole interne ed esterne delle seychelles

Il soleggiamento è buono nel periodo relativamente secco, mentre nei mesi più piovosi, da dicembre a febbraio, il sole brilla in media per 5/6 ore al giorno. Ecco la media delle ore di sole al giorno.

La temperatura del mare alle Seychelles è sempre sufficientemente calda per fare i bagni, e oscilla dai 26,5 gradi di luglio e agosto, ai 30 °C di aprile.

tabella mensile con le temperatura del mare alle seychelles

Disposizioni relative al Covid-19 valide per le Seychelles

Per aggiornamenti in tempo reale consultare il sito della Farnesina.

Lo sapevate che?

Questo paradiso tropicale un tempo erano un covo di pirati?
In particolare Anse Forbans a Mahé e Côte d’Or a Praslin. Si ritiene che il famoso pirata Olivier Levasseur vi nascose un tesoro di $160.000, ad oggi mai trovato.
Il coco de mer, frutto simbolo delle Seychelles, produce il più grande seme del mondo?
La famosa noce dall'inconfondibile silhouette può pesare fino a 15 kg!
Un tempo le Seychelles erano infestate da coccodrilli?
Si ritiene che l'ultimo esemplare fu ucciso poco dopo la metà del 19° secolo. Per quanto, saltuariamente, si spargano voci di nuovi occasionali avvistamenti, ma senza alcuna conferma ufficiale.
Curieuse Island fu una colonia di lebbrosi?
Curieuse was a leper colony Precisamente dal 1829 al 1965. Rovine a testimonianza di questo triste passato sono ancora presenti, con la casa dell'ultimo dottore del posto convertita in museo.
La tartaruga più pesante del mondo...
...vive a Bird Island? Si chiama Esmeralda, ma è un maschio. Sfiora i 300 kg di peso ed ha circa 170 anni, il che ne fa la seconda tartaruga più longeva ancora in vita.
Non esiste una vera e propria popolazione indigena?
L'arcipelago era completamente disabitato fino al 1770, quando i francesi arrivarono con il loro seguito di schiavi dall'Africa. Inizialmente mera tappa di rifornimento, diventò poi un crogioulo di etnie, con forti influenze africane, europee ed asiatiche. Con il creolo come una sorta di lingua franca, oltre al francese.

Le Seychelles in breve.

Da sapere prima di partire.

Documenti e formalità doganali

Oltre al passaporto valido occorre essere in possesso di un biglietto di andata e ritorno, condizione indispensabile per l’ingresso nel Paese. All’ingresso nel Paese viene apposto un timbro sul passaporto sul quale è indicata la durata del soggiorno, che non può eccedere mai i trenta giorni, prorogabile fino ad un massimo di tre mesi esclusivamente presso gli uffici di immigrazione competenti.

Voli e collegamenti internazionali

Frequenti collegamenti con scalo; i più popolari sono via Dubai, Doha (Qatar) e Parigi.

Rete stradale

Limitata alle isole maggiori (Mahé e Praslin), praticamente inesistente altrove.

Sicurezza

Nessun problema particolare.

Salute

La vaccinazione contro la febbre gialla è obbligatoria esclusivamente per i viaggiatori provenienti da Paesi dove tale malattia è endemica (Kenya, Etiopia, ecc) anche nel caso di solo transito aeroportuale, se questo è superiore alle 12 ore ed in ogni caso se si lascia l’aeroporto di scalo. Si consiglia comunque, anche a coloro che provengono da Paesi Africani in cui tale malattia non e’ endemica, di munirsi del certificato di vaccinazione contro la febbre gialla per non incorrere nel rischio di essere vaccinati in loco o di essere respinti all’Ufficio immigrazione.

Valuta e banche

Nessuna formalità valutaria.

Lingue

Le lingue ufficiali sono il francese ed il creolo, ma è molto diffuso anche l’inglese.

Fuso orario

Fuso orario dell’Europa orientale (EET/GMT+2), quindi un’ora avanti rispetto all’Italia.

Telefoni cellulari

Buona ricezione praticamente ovunque. Grazie all’abolizione del roaming, per i cittadini europei non è necessario comprare una sim locale, le tariffe restano quelle del proprio operatore nazionale.

Trasporti locali

Aereo Buoni collegamenti interni, prezzi piuttosto alti.

Autobus Ottima copertura su tutto il territorio, prezzi simili a quelli dei treni, che però è un’opzione preferibile (se possibile) per i minori tempi di percorrenza.

Automobile Ottima rete stradale perfettamente mantenuta anche in inverno. Ciò non toglie che, soprattutto alle latitudini più settentrionali, in inverno le strade siano spesso innevate o ricoperte di ghiaccio, ragion per cui è sempre consigliabile un veicolo 4×4 (non necessariamente fuoristrada).

Traghetti A parte quelli per le isole dell’arcipelago e della regione dei laghi, sono operativi comodi collegamenti via mare da Turku ed Helsinki per Stoccolma e ad Helsinki per Tallin.

Treno Rete molto estesa, soluzione generalmente preferibile agli autobus di linea. Per le tratte più battute è meglio prenotare in anticipo.