Longyearbyen

Longyearbyen è la capitale delle Svalbard ed il centro abitato con una popolazione superiore ai 1000 abitanti più settentrionale d'Europa.

Longyearbyen è la capitale delle Svalbard ed il centro abitato con una popolazione superiore ai 1000 abitanti più settentrionale d’Europa. E’ ricoperta di neve da novembre a marzo, avvolta dalla notte artica dal 27 ottobre al 15 febbraio (111 giorni) e rischiarata dal sole di mezzanotte dal 18 aprile al 23 agosto (127 giorni). E’ l’unica città delle Svalbard ad avere collegamenti aerei (da Oslo e Tromsø). E’ ovviamente la principale base di partenza per spedizioni nell’arcipelago, ma anche per escursioni giornaliere, prevalentemente in motoslitta e con slitte trainate da husky in inverno, a piedi in estate.

 

Curiosità

A Longyearbyen le strade non hanno nomi, ma solo numeri.

La notte polare dura fino 15 febbraio ma in realtà, a causa delle montagne, il sole non lo si vede fino ai primi di marzo.

E’ uso comune lasciare le proprie scarpe fuori dai locali pubblici. Per i più freddolosi, sono gentilmente offerte delle pantofole.

Mai dimenticarsi di portarsi con sé il proprio fucile con proiettili di grosso calibro, o si rischia una bella multa! Non si tratta di una battuta ma di precise disposizioni di legge. Il rischio di incontri ravvicinati con il grande orso bianco è concreto, e non sono mancanti incidenti in passato, alcuni dei quali fatali.

Com’è la vita nella città più settentrionale del mondo?

Cecilia Blomdahl lo spiega, in questo video (sottotitolato in italiano) del 2020, a quasi 5 anni dal suo trasferimento alle Svalbard.

Una scelta che può sembrare estrema, ma che è peraltro appannaggio di qualunque cittadino degli oltre 40 Paesi (tra cui l’Italia) che hnno firmato il trattato che ne regola l’amministrazione, concessa alla Norvegia.

Una giornata d’inverno a Longyearbyen

Molti si chiedono come sia una giornata d’inverno in un posto dove il sole non sorge mai, dove la notte è perenne per diversi mesi all’anno. La cosa ha in realtà il suo fascino anche perché tra le luci della città, il bianco della neve e la magia dell’aurora boreale, a Longyearbyen buio buio, tutto sommato, non lo è mai.

Com’è vivere a nord del nord?

Chiunque (o quasi) può stabilirsi alle Svalbard. O meglio, a Longyearbyen, l’unico vero centro abitato. Questo servizio della BBC offre uno spaccato di una scelta di vita sicuramente originale, e probabilmente non per tutti.

Pillole di storia

E per concludere, la sintesi in un minuto della storia di questo avamposto artico, capitale di un arcipelago dove la popolazione di orsi polari è superiore a quella dei suoi abitanti.